Articolo
/
Marzo 18, 2024
#254636
Torna alle risorse

Creare un Ecommerce di successo: strategie vincenti

Quali sono le migliori pratiche e gli step fondamentali per dar vita ad uno shop online di successo?

Avviare un progetto Ecommerce è una sfida complessa che richiede la focalizzazione su strategie misurabili e sostenibili nel tempo.

Tra errori comuni e sfide che mettono a dura prova le aziende è il piano marketing misurabile a fare la differenza per il successo.

In questo articolo riassumiamo quanto abbiamo appreso durante il Webinar "Piano Marketing Misurabile: come progettare un ecommerce di successo" con Franscesco Chiappini, CEO di Ecommerce School.

Tendenze e opportunità del mercato dello shopping online

Quali sono le tendenze e le prospettive del mondo del commercio elettronico?

Nell’ultimo decennio, la crescita dell'Ecommerce è stata esponenziale e le previsioni future non lasciano intravedere rallentamenti.

Comprendere le tendenze e i dati di mercato è fondamentale per prendere decisioni aziendali e pianificare una strategia a lungo termine.

  • Nel 2024, gli acquirenti online saranno circa 2,71 miliardi. Si tratta di un pubblico potenziale piuttosto vasto per i vostri prodotti e servizi.
  • Secondo le previsioni dell’eCommerce, le vendite online aumenteranno di quasi l’8% quest’anno.
  • Il 32% dei consumatori Gen Z fa acquisti online ogni giorno
  • Si prevede che l’Ecommerce rappresenterà la metà del fatturato B2B entro il 2025

Gli errori più comuni

Partiamo dagli errori, quali sono quelli più comuni che le aziende riscontrano nel loro percorso verso il successo?

Le mosse sbagliate spesso nascono da una mancanza di pianificazione strategica e da una scarsa comprensione del settore di riferimento. Molto spesso, le aziende adottano strategie di marketing "copiate e incollate" senza considerare il modello di business, il posizionamento all’interno della propria catena distributiva e le varie Buyer Personas.

Anche la scarsa conoscenza dei canali disponibili e del target di riferimento contribuisce al mancato raggiungimento di risultati soddisfacenti. Ogni canale richiede una strategia e uno stile di comunicazione specifici, pertanto è essenziale comprenderli appieno per massimizzare l'efficacia delle campagne. È necessario capire quali canali siano più adatti al proprio pubblico e al proprio messaggio. Google e i social media sono solo l'inizio, TikTok, Pinterest, LinkedIn offrono opportunità uniche che non vanno sottovalutate.

 Le aziende trascurano un passaggio importante: stabilire obiettivi chiari e specifici per le proprie campagne. Inoltre, non tengono conto della concorrenza, perdendo così preziose opportunità di differenziazione e penetrazione del mercato.

Un'ulteriore problematica è la percezione del marketing come un costo anziché come un investimento. Questa mentalità pone dei limiti e può portare un business a sottovalutare il potenziale del marketing come leva principale per la crescita.

Strategie e best practice

Per far fronte a questi sbagli e non commetterli è necessario progettare un piano marketing misurabile.

Quali sono i passi da seguire per la creazione di un Ecommerce che porti risultati tangibili?

Pianificare in maniera corretta, stabilire aspettative realistiche e implementare strategie efficaci sono gli elementi chiave per un progetto vincente.

Per prima cosa bisogna decidere i canali da utilizzare e prefissare il budget per il marketing per definirne la sua distribuzione. Ma come capire su quali canali puntare e come creare una differenziazione?  La diversificazione degli investimenti è essenziale per raggiungere un pubblico più ampio.

Ogni canale contribuisce in modo unico al "messy middle", la fase di valutazione e esplorazione dell'utente, e pertanto è importante sfruttare al massimo ogni opportunità. La scelta dipende dalle variabili specifiche del prodotto e del mercato. Per i prodotti con una forte domanda diretta è possibile sfruttare canali come Google ADS, shopping online e YouTube.

Per i prodotti che invece non hanno una ricerca diretta potrebbe rivelarsi più utile creare degli asset di contenuti e sfruttare i circuiti Meta ma anche Digital PR e Influencer. 

Discorso diverso per le startup Il cui successo dipende in gran parte dalla loro capacità di produrre traffico qualificato e di lavorare costantemente sulla conversione. Ciò significa che il marketing assume un ruolo centrale fin dai primi passi dell'azienda. È necessario investire in strategie che portino gli utenti sul sito e che li convincano ad acquistare.

In questa fase, la conversione è il focus principale: bisogna lavorare sull'ottimizzazione del sito e sulla creazione di una Customer Journey che spinga le persone a compiere un'azione desiderata, ovvero effettuare un acquisto. Una startup andrà quindi in una prima fase a lavorare sulla conversione e solo nel momento in cui inizierà a produrre traffico potrà procede con la diversificazione.

Misurabilità dei Risultati

La misurabilità gioca un ruolo fondamentale nella definizione del successo di un progetto strategico. Tuttavia, tra la proposta iniziale dell'azienda e l'effettiva esecuzione del progetto, sorgono aspettative e richieste che devono essere gestite con attenzione per garantire una crescita sostenibile e un rapporto di fiducia duraturo con i clienti.

Una delle pratiche chiave in questo processo è la definizione delle aspettative a lungo termine. Bisogna focalizzare l'attenzione su obiettivi misurabili e tangibili che vanno oltre il semplice aumento del fatturato o delle vendite.

Le aspettative dei clienti nell' Ecommerce possono variare notevolmente a seconda della natura del business e delle sue prospettive di crescita.

Mentre le aziende consolidate potrebbero considerare l' Ecommerce come una semplice vetrina o un servizio aggiuntivo, le startup e le piccole imprese lo vedono come un'opportunità cruciale per generare fatturato, acquisire clienti e guadagnare quote di mercato.

È essenziale per le imprese, grandi e piccole, adattarsi al cambiamento e investire adeguatamente nelle strategie di marketing digitale.

L’analisi dei KPI (Key Performance Indicators) diventa cruciale per valutare l’efficacia delle strategie e ottimizzare il budget. Bisogna considerare, non solo le metriche di marketing ma anche quelle di business.

Sebbene le prime siano fondamentali per valutare la generazione di fatturato e altre prestazioni relative al marketing, è essenziale comprendere che per valutare i risultati di un'attività Ecommerce da sole non bastano.

Il fatturato per quanto importante non può rappresentare l’unica metrica significativa. Ed è qui che entrano in gioco i KPI imprenditoriali come la marginalità, il costo medio per click, il tasso di conversione e il valore del cliente nel suo ciclo di vita. Solo tenendo sotto controllo queste metriche è possibile analizzare effettivamente la sostenibilità del business e prendere decisioni per ottimizzare le performance aziendali. Bisogna avere quindi una visione strategica a 360 gradi.

I business devono comprendere che l'Ecommerce è un'azienda dentro l'azienda. È necessario sviluppare una strategia integrata che coinvolga tutti i reparti, dal marketing alla logistica per massimizzare i risultati.

In conclusione, è fondamentale incorporare una strategia che includa tutti i reparti aziendali al fine di ottimizzare le performance nel lungo periodo.

Ma non solo, il successo di un Ecommerce dipende anche da altri fattori come la capacità di pianificare e implementare strategie efficaci valutando costantemente i risultati, evitare gli errori comuni e adottare un approccio incentrato sulla misurabilità dei risultati.

Parlaci del tuo progetto, creiamo insieme un Piano Marketing Misurabile che porti fatturato e risultati concreti.

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo

eventi

i più recenti
Visualizza tutti gli eventi
Iscriviti alla Think:up, la newsletter di Think:able:
Verifica su di te i risultati di una comunicazione misurata sulle tue preferenze.
Iscriviti
Il miglior modo di verificare un Metodo di misurazione è calcolare in quanto tempo e come ripaghi questo investimento.
Questo è per noi la base di partenza, ma il vero obiettivo è impostare un modello per generare valore e non pensare a quanto costa perché produce fatturato.
Il punto non è quanto costa ma capire quanto valore genera per investire di più su un modello misurabile che porta risultati.
© 2023 Thinkable S.r.l. - Società Benefit - P.Iva 13180000963 - Capitale sociale 10.000 euro - Sede Viale Monza, 347 Milano 
© 2023 Thinkable S.r.l. - P.Iva 13180000963 - Capitale sociale 10.000 euro - Sede Viale Monza, 347 Milano
crossmenuarrow-left linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram